Lesioni cartilaginee

 

Che cos'è la cartilagine

La cartilagine è un tessuto connettivo di sostegno, privo di vasi sanguigni, nel quale la sostanza intercellulare è densa, compatta e consistente; ricopre le articolazioni e molte parti dello scheletro.


Le cartilagini del ginocchio si possono danneggiare

Le cartilagini del ginocchio possono essere soggette alesioni. Tali lesioni possono svilupparsi a seguito di un forte trauma non opportunamente trattato, di un eccessivo peso corporeo, di un prolungato trasporto di carichi su superfici dure; oppure derivano dalle patologie degenerative (artrosi, artrite reumatoide e necrosi avascolare), nelle quali le cartilagini sono destinate a scomparire e a causare anche lesioni dell'osso circostante. In ogni caso, la cartilagine non si ripara da sé.


Quali sono i sintomi

Il sintomo tipico è il dolore, localizzato nella zona della lesione; sono normalmente presenti un leggero gonfiore e debolezza e un lieve deficit in estensione e flessione del ginocchio.


Come si fa la diagnosi

Lo strumento di diagnosi principale è l' artroscopia, che consente di evidenziare lesioni cartilaginee anche molto modeste, e di verificare, "tastandola", il grado di resistenza della cartilagine.


Quali sono i trattamenti delle lesioni cartilaginee

In caso di lesioni lievi il trattamento può essere c.d. conservativo: diminuire l’attività fisica, camminare su superfici morbide e indossare scarpe confortevoli, perdere peso, indossare dei tutori, assumere antinfiammatori e antidolorifici, effettuare programmi di fisioterapia, oinfiltrazioni con steroidi o acido ialuronico.

Le lesioni cartilaginee di ampie dimensioni secondaria ad eventi traumatici sono difficilmente trattabili e molto spesso portano a sintomatologia invalidante.

In questi casi si ricorre al trapianto di cartilagine mediante l'utilizzo di membrane artificiali completamente biologiche che, impiantate nella zona del difetto, consentono la guarigione della stessa mediante colonizzazione da parte di elementi cellulari propri e trasformazione in tessuto cartilagineo strutturalmente valido.

I pazienti possono anche riprendere l'attività sportiva con buoni risultati.